Amurusanza – poesie di Rino Cavasino

Rino Cavasino
AMURUSANZA

amurusanza
Amurusanza è amorosità, amorevolezza, piccolo dono, pensiero o segno d’affetto, “galanteria”, generosità. Un vecchio contadino offre in omaggio ai suoi più cari, fedeli clienti qualcosa di più del pattuito, in olio frutta ortaggi: così, per antico, radicato affetto, pi amurusanza; ugnìritu d’amurusanza: un dito d’amorosanza; gratuità; forse qualcosa, insieme, di meno e di più dell’amore. «Amore in quant’è dimostrato. Non ha i sensi troppo estrinseci e leggeri del modo amorevolezza»: Niccolò Tommaseo e Bernardo Bellini nel loro dizionario, sotto la voce †amorosanza; ultima delle accezioni †la donna amata. La parola italiana, nome astratto da amoroso, sul modello di amanza, è attestata già nel duecento in testi mediani e meridionali, col senso, affine a quello del siciliano, di atteggiamento amoroso o affettuoso, di benevolenza.

 

Na spìngula c’un parpagghiuni

Scrissi ntâ lingua di me matri e mmancu
idda capìu, ma soccu ntisi
cci parsi àrabbu turcu ggirmanisi.
Ogni llittra, ogni stizza chi ssazzài,
ch’arricugghivi dâ so ucca,
dâ mia niscìu bbabbeli siccitusa,
mutàngula, orva e ssurda. Idda
taliàu senz’accanùsciri
un fìgghiu stravïatu,
annïatu, arrivisciutu. Ogni llittra,
ogni vvìrgula era
na spìngula c’un parpagghiuni.

dal siciliano di Trapani

 

Uno spillo con una farfalla

Scrissi nella lingua di mia madre e neppure
lei capì, ma ciò che ascoltò
le parve arabo turco tedesco.
Ogni lettera, ogni goccia che assaggiai,
che raccolsi dalla sua bocca,
dalla mia uscì babele siccitosa,
mutastra, orba e sorda. Lei
guardò senza riconoscere
un figlio sperduto,
annegato, redivivo. Ogni lettera,
ogni virgola era
uno spillo con una farfalla.

Acquista Amurusanza su Amazon.it

Dicono di noi:
Qualche segnalazione e recensione…

Il 15 ottobre 2016, consegnato a Rino Cavasino il Premio “Salvo Basso” per Amurusanza:
www.coazinzolapress.it/libri/rino-cavasino-vince-il-premio-salvo-basso-per-amurusanza/

La rassegna stampa:
www.coazinzolapress.it/libri/rassegna-stampa-rino-cavasino-vince-il-premio-salvo-basso/

Nonostanze – poesie di Maria Grazia Tonetto

nonostanzeNonostanze introduce nella lingua italiana un neologismo di cui c’è estremamente bisogno. Le poesie del libro, infatti, sono esempi di quella qualità di resistenza necessaria per affrontare tutte le cose che non vanno nel verso giusto al mondo. E se per esprimere questa volontà di resistere e andare avanti c’è bisogno di forzare il lessico e la sintassi della poesia, l’autrice non arretra davanti al duro compito e lotta ad armi quasi pari.

Sotto il saliscendi delle foglie
traspare resistente una tenacia
quel darsi al vento e trattenere
qualcosa di sé nella corrente.

Poli distinti tratteggiano un flusso
tra il riflesso e l’intensa
colorazione custodita,
reticenza della forma all’equilibrio
rimostranza all’assenza di tensione.

dicono di noi

Meditamondo – poesie / poems di Riccardo Duranti

meditamondoMeditamondo, come suggerisce il titolo, registra meditazioni sul vasto mondo della Natura e anche della gente che ne fa parte… c’è anche una sezione sulla relatività dei punti di vista e un interludio… ludico. E alla fine c’è pure una tragica storia d’amore. Le poesie alternano madre lingua a lingua amante (ma in tal caso l’autore tradisce la sua vocazione di traduttore e fornisce un’autoversione a fronte).

1956

Pettinato ogni giorno da notizie
dall’Ungheria, andando a scuola
prendeva a calci mucchi di foglie secche
al ritmo dei misteriosi cannoneggiamenti
su Quemoy.

Come sempre la Storia
s’incarica di arare e seminare
anche i campi più acerbi, ignari e remoti
perché neanche una delle sue cicatrici
vada sprecata…